Cosa succederà in Europa ora che ha vinto il “No” in Italia?

05/12/2016

Scaricare

Il referendum italiano riguardava la riforma del sistema elettorale con l'obiettivo finale di dare maggiore stabilità ai governi in Italia. Tuttavia, era stato trasformato in un'altra occasione per esprimere un voto di protesta e l’esito negativo era stato ampiamente previsto. Questo risultato ha portato alla dimissioni immediate del Primo Ministro Renzi.

Ora è probabile che venga costituito un governo ad interim in Italia che potrebbe rimanere in carica fino alle elezioni previste a maggio 2018. Tale soluzione è stata la norma per molti anni in Italia e in realtà la mancanza di governo in Spagna per nove mesi all'inizio di quest'anno (e in effetti anche in Belgio per 18 mesi pochi anni fa) non sembra aver avuto un impatto tangibile così negativo sulle economie.

Gran parte della stampa britannica vorrebbe vedere questo esito come l'inizio della fine per l'Europa. In realtà, potrebbe essere l'ultima grande sorpresa politica, piuttosto che un altro paese che segue una decisione sconcertante come la Brexit nel Regno Unito. In Austria, il candidato presidenziale di estrema destra ha perso le elezioni durante il fine settimana, anche se questo non è stato preso in cosiderazione (sicuramente oscurato dall’Italia, ma comunque ancora rilevante).

Il prossimo paese è la Francia dove si terranno le elezioni presidenziali nel mese di aprile 2017, e non c'è dubbio che ci sarà un’ampia copertura mediatica sul tema, anche se François Fillon potrà rivelarsi un partner fresco e adatto ad una Germania che riconosce che l'Europa ha bisogno di attuare dei cambiamenti quanto prima.

Nel frattempo, le economie stanno dando buoni risultati, l’Euro debole è positivo per gli esportatori e ci potrebbe esser presto un accordo “intelligente” volto a risolvere il problema della ricapitalizzazione delle banche italiane (e degli altri paesi).

Infine, mentre l'Italia può essere un’economia importante in termini di scala, è anche un paese molto più benestante rispetto a quanto qualcuno potrebbe percepire. Tuttavia, il suo mercato azionario è relativamente piccolo. Nel fondo Henderson Horizon Pan European Equity non abbiamo alcuna esposizione verso l'Italia e non l’abbiamo più avuta da quando abbiamo venduto Intesa subito dopo l’esito del referendum sulla Brexit nel Regno Unito.

Continuo a credere che l'Italia non si affretterà ad indire un referendum per decidere se rimanere o meno nell’area Euro. Dopo un lungo periodo di euroscetticismo, qualcuno potrebbe voler sottolineare che l'Irlanda è nuovamente un paese fiorente, che la Spagna sta migliorando rapidamente e che, in generale, le economie europee stanno andando abbastanza bene (in un mondo caratterizzato da un basso tasso di crescita).

I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri. Tutti i dati dei rendimenti includono sia il reddito che le plusvalenze o le eventuali perdite ma sono al lordo dei costi delle commissioni dovuti al momento dell'emissione.

Le informazioni contenute in questo articolo non devono essere intese come una guida all'investimento.


Informazioni importanti

Si prega di leggere attentamente le seguenti informazioni sui fondi citati in  questo articolo.

Henderson Horizon Pan European Equity Fund

Henderson Horizon Fund (il “Fondo”) è una SICAV lussemburghese costituita il 30 maggio 1985 e gestita da Henderson Management S.A. Eventuali richieste di investimento saranno effettuate unicamente sulla base delle informazioni contenute nel prospetto del Fondo (compresi tutti i documenti di riferimento pertinenti), che conterrà le limitazioni relative all'investimento stesso. Il presente documento è da intendersi unicamente come una sintesi e il potenziale investitore è tenuto a leggere il prospetto del Fondo e il documento contenente le informazioni chiave per l'investitore (KIID), prima di procedere all'investimento. Copie del prospetto del Fondo e del KIID sono disponibili presso Henderson Global Investors Limited, agente in qualità di Gestore degli investimenti e Distributore.

Pubblicato da Henderson Global Investors. Henderson Global Investors è la denominazione con cui Henderson Global Investors Limited (n. reg. 906355), costituita e registrata in Inghilterra e nel Galles, con sede legale presso 201 Bishopsgate, Londra EC2M 3AE, autorizzata dalla Financial Conduct Authority e soggetta alle sue regolamentazioni, fornisce prodotti e servizi per l’investimento. Le telefonate potrebbero essere registrate e monitorate.

La performance ottenuta in passato non è indicativa dei rendimenti futuri. I dati di performance non tengono conto di costi e commissioni sostenuti per l'emissione e il riscatto delle quote. Il valore di un investimento e il ritorno che ne deriva potrebbero aumentare o diminuire. Di conseguenza, potrebbe non essere possibile recuperare il capitale investito in origine. Il regime fiscale può variare in funzione delle disposizioni di legge di volta in volta vigenti e l’entità dello sgravio fiscale dipenderà dalle singole circostanze. Nel caso di investimenti effettuati tramite intermediari abilitati, si prega di rivolgersi direttamente a questi ultimi, in quanto costi, rendimenti e condizioni dell’investimento potrebbero differire sensibilmente.

Nulla nel presente documento è inteso come consiglio, né deve essere interpretato come tale. Il presente documento non costituisce una raccomandazione a vendere o acquistare alcun investimento, né fa parte di alcun contratto per la vendita o l'acquisto di investimenti.

Il Fondo rappresenta un organismo di investimento collettivo autorizzato per finalità di promozione nel Regno Unito. Potenziali investitori del Regno Unito sono invitati a prendere atto che tutte o la maggior parte delle tutele previste dalle normative britanniche non sono applicabili a investimenti nel Fondo e che non saranno disponibili rimborsi in virtù dello United Kingdom Financial Services Compensation Scheme.

Copie del prospetto del Fondo e del documento contenente le informazioni chiave per l'investitore sono disponibili in inglese, francese, tedesco e italiano. L'atto costitutivo, le relazioni annuali e semestrali sono disponibili in inglese. Il KIID è disponibile anche in spagnolo. Tutti questi documenti possono essere richiesti gratuitamente presso gli uffici locali di Henderson Global Investors: 201 Bishopsgate, Londra, EC2M 3AE per investitori di Regno Unito, Svezia e Paesi scandinavi; Via Dante 14, 20121, Milano, Italia, per investitori italiani e Roemer Visscherstraat 43-45, 1054 EW, Amsterdam, Paesi Bassi per investitori olandesi; e presso: l’Agente pagatore austriaco Raiffeisen Bank International AG, Am Stadtpark 9, A-1030 Vienna; l’Agente pagatore francese BNP Paribas Securities Services, 3, rue d’Antin, F-75002 Parigi; l’Agente informativo tedesco Marcard, Stein & Co, Ballindamm 36, 20095 Amburgo; il Fornitore di servizi finanziari belga CACEIS Belgium S.A., Avenue du Port, 86 C b320, B-1000 Bruxelles; il Rappresentante spagnolo Allfunds Bank S.A. Estafeta, 6 Complejo Plaza de la Fuente, La Moraleja, Alcobendas 28109 Madrid; il Rappresentante a Singapore Henderson Global Investors (Singapore) Limited, 138 Market Street #34-03/04 CapitaGreen, Singapore 048946; o il Rappresentante svizzero BNP Paribas Securities Services, Parigi, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, che agisce anche in qualità di Agente pagatore svizzero. RBC Investor Services Trust Hong Kong Limited, una controllata della joint venture britannica RBC Investor Services Limited, 51/F Central Plaza, 18 Harbour Road, Wanchai, Hong Kong, Tel: +852 2978 5656 è il Rappresentante del Fondo a Hong Kong.

Rischi specifici

  • Quando il fondo investe in strumenti (compresa la liquidità) denominati in valute diverse dalla valuta di base, le oscillazioni del tasso di cambio possono far scendere o salire il valore degli investimenti.
  • Questo fondo è destinato a essere utilizzato solo come componente di un portafogli d'investimenti diversificato. Gli investitori dovrebbero valutare con attenzione la percentuale del loro portafoglio investita in questo fondo.
  • I mercati valutari sono altamente volatili per natura e risentono di vari fattori, ad esempio sviluppi politico-economici, modifiche delle politiche fiscali e monetarie dei governi, bilancia dei pagamenti, andamento degli scambi internazionali e liquidità sui mercati monetari. Investire in valute può comportare possibilità di perdite più consistenti, costi delle operazioni più elevati e maggiore volatilità del NAV del comparto.
  • Il Fondo può fare uso di derivati a scopo di copertura, per tutelare i portafogli dalle oscillazioni monetarie e di mercato, nonché dai rischi correlati ai tassi di interesse. I derivati comportano rischi diversi – e, in alcuni casi, superiori – rispetto ai rischi degli investimenti più tradizionali. Se la politica d'investimento lo consente, i fondi possono adottare varie strategie, volte a ridurre alcuni rischi e a tentare di promuovere il rendimento. Queste strategie possono comprendere l’uso di strumenti derivati, quali opzioni, warrant, swap e/o future.
  • In alcune condizioni di mercato, gli investimenti in portafoglio del Fondo possono non essere liquidi come sarebbero in circostanze normali. In tali condizioni può risultare più difficile conseguire un prezzo adeguato e vi è il rischio che il prezzo di valutazione dell’investimento non sia realizzabile in caso di vendita. Il Fondo, pertanto, potrebbe non essere in grado di vendere immediatamente tale investimento.
  • Il valore degli investimenti nel fondo può crescere o diminuire in base a condizioni economiche, politiche, normative, di sviluppo sociale o di mercato mutevoli, che vanno a influire sul prezzo dei titoli delle società nelle quali il comparto investe.
  • La valutazione degli investimenti in OTC può risultare difficile, data l'indisponibilità di informazioni pubbliche affidabili sugli emittenti e sui rischi correlati alle loro attività. I derivati OTC presentano un rischio di valutazione o attribuzione del prezzo errate e potrebbero non essere pienamente correlati con le attività sottostanti. Investire sui mercati OTC comporta il rischio che la controparte risulti inadempiente.
  • Il metodo di calcolo della commissione di performance determina una situazione nella quale il socio che riscatta le quote può ancora essere soggetto al pagamento di tale commissione sulle proprie quote, pur avendo subito una perdita in termini di capitale investito.
  • Ove sia prevista la copertura di una classe di azioni, il Gestore degli Investimenti può fare ricorso a swap, future, contratti a termine in valuta, opzioni e altre operazioni in derivati, onde preservare il valore della valuta della classe di azioni oggetto di copertura rispetto alla valuta di base del comparto. Gli effetti della copertura andranno a riflettersi nel NAV della classe di azioni oggetto di copertura. Gli oneri derivanti dalle operazioni di copertura saranno a carico della classe di azioni per la quale sono stati sostenuti e, pertanto, andranno a influire sulla performance di tale classe. Le operazioni di copertura possono tutelare, sostanzialmente, gli investitori da una perdita di valore della valuta di base del comparto.

Rating del rischio

Azione

Discussione

 
 
[##ImageTip_CAPTCHA]